Lo Spaventapasseri. 27.11.20


Come vincere le sfide idriche nel settore agricolo

Oltre tre miliardi di persone vivono in zone agricole colpite da livelli alti o estremamente alti di carenza idrica e scarsità di risorse idriche; di questi, quasi la metà deve fare i conti con gravi costrizioni. Negli ultimi vent’anni, inoltre, in tutto il mondo le riserve di acqua dolce sono diminuite di oltre il 20 percento, a sottolineare l’importanza di produrre di più con un minor dispendio di risorse, soprattutto nel settore agricolo, che tra i settori produttivi è il principale consumatore d’acqua.

……FAO.ORG

Agroalimentare, a rischio la sopravvivenza del 30% delle imprese italiane

La filiera agroalimentare italiana si è confermata anche nel 2019 uno dei settori trainanti dell’economia nazionale, grazie alla performance record del comparto: 200 miliardi di euro di fatturato realizzato dalle imprese agroalimentari, 44,6 miliardi di euro di esportazioni, oltre 1,4 milioni di occupati coinvolti in 1,6 milioni di imprese. Nel complesso, il settore ha attivato 240 miliardi di euro di consumi, offrendo un contributo importante alla crescita del Paese.

……ILSOLE24ORE.COM

Monete complementari per lo sviluppo locale e la coesione sociale

Come tutte le crisi che hanno contraddistinto il capitalismo fin dal suo insorgere, anche quella attuale è dovuta al fatto che si produce più di quanto si riesca a vendere: una crisi non dell’offerta, bensì della domanda. Il paradosso della povertà nell’abbondanza, come venne chiamato già durante la Grande Depressione degli anni ’30, trova spiegazione nell’aggiunta di un aggettivo: a mancare non è la domanda assoluta, ossia i bisogni (che risultano semmai aumentati per effetto della crisi), bensì la domanda effettiva, ossia la domanda resa efficace dalla disponibilità di denaro. L’economia ristagna perché il denaro non viene speso….

……FONDAZIONEFERTINELLI.IT

Pasta fatta con grano di importazione e intolleranze alimentari? “Relazione indiretta tra micotossine e celiachia”

Secondo i produttori di pasta il frumento importato è migliore tecnicamente (e costa di più) per via dell’alto contenuto di glutine, ma coltivatori e scienziati sostengono che “in alcuni dei Paesi esportatori (come il Canada) il clima umido favorisce la presenza di micotossine”. Sostanze che, spiega il docente di chimica degli alimenti all’Università Federico II di Napoli Alberto Ritieni, “attaccano il sistema immunitario e rendono il nostro intestino più esposto a diversi disturbi”

…ILFATTOQUOTIDIANO.IT

Basta con la pasta prodotta con i grani duri esteri. Ripensare la pasta in Sicilia

 Non se ne può più del grano estero che arriva con le navi! Non se ne può più di chi ci dice che produce pasta con il grano italiano e poi non è vero! Non se ne può più di vedere un alimento che fa parte della tradizione culturale e alimentare del Sud Italia e della Sicilia controllato da chi fa solo affari, in alcuni caso ingannando i consumatori. Cominciamo a ragionare su come creare un’alternativa

..…. INUOVIVESPRI.IT

Oro rosso. Fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo

Un reportage sulle donne che raccolgono e confezionano il cibo che arriva sulle nostre tavole. Il racconto si snoda in tre paesi affacciati sul mare Mediterraneo, Italia, Spagna e Marocco, tra i maggiori esportatori di ortaggi e frutta in Europa e nel mondo. Qui, le braccianti, non solo sono pagate meno degli uomini e costrette a turni estenuanti, ma vengono molestate sessualmente, ricattate, subiscono violenze verbali, fisiche e stupri. Nelle pagine, le vite delle molte lavoratrici che i media ignorano: la sopravvivenza quotidiana, la resistenza alla violenza, il coraggio delle denunce che, malgrado gli sforzi, cadono nel vuoto. Il libro è il risultato di un lavoro di inchiesta e documentazione durato più di due anni, con oltre centotrenta interviste a lavoratrici, sindacalisti e associazioni.

… ILLIBRAIO.IT

Letture e pretesti
per la giornata.

by Gianni Fabbris
Le letture dello Spaventapasseri di oggi:
– la FAO ci avverte sui rischi della crisi idrica – aumenta il peso della crisi finanziaria sulle aziende dell’agroalimentare: il 30% a rischio chiusura
– alla ricerca di alleanze oltre il capitalismo finanziario: le opportunità delle monete complementari
– grani e farine; il legame fra sicurezza alimentare e crisi della produzione con il prof Ritieni
– ripensare la pasta nel sud
– donne, pomodori e fragole nel mediterraneo: no allo sfruttamento


L’hashtag del giorno: #VERSOILFORUMDELGRANO #RIPRENDIAMOCITEMPOEDENARO